Archivi categoria: Roma

Il lancio della moneta nella Fontana di Trevi – La mia Roma Personale

Standard

Chi non ha mai sognato di vivere una situazione che rievoca le scene de “ La dolce vita”? Un passionale momento con una persona amata tra scrosci d’acqua e un panorama stupendo che ci osserva. E, come se non bastasse in una delle fontane più famose del mondo: la Fontana di Trevi. Celeberrima, e a ragione! L’intera struttura è decorata da imponenti statue che si alternano a piccole cascate acquatiche. Ma è più di questo: più che un’opera scultorea è un vero e proprio capolavoro architettonico.

Realizzata da molti artisti, ma ideata da Nicola Salvi, la fontana presenta molte influenze barocco – berniniane. La fontana si “appoggia” sulla facciata di Palazzo Poli, un altro storico edificio capitolino.

Tramite il tema del mare, le opere d’arte che compongono l’intera struttura raccontano la storia dell’acqua Virgo, un’acqua purissima che scorreva negli acquedotti romani fin dai tempi dell’imperatore Marco Vespasiano Agrippa.

E’ formata da una grande vasca ovale che ospita i protagonisti della fontana: nella nicchia più grande si trova la statua di Oceano, che guida un carro a forma di conchiglia trainato prima da cavalli e poi da tritoni.

Ai suoi lati, nei due antri minori, troviamo la scultura dell’Abbondanza e della Salubrità.

Andando sempre più verso l’estremità, ammiriamo i due antagonisti: il cavallo placido e quello agitato, a simboleggiare la calma e l’irrequietezza delle onde. Ogni nicchia è separata dalle altre tramite colonne corinzie, ai lati delle quali possiamo trovare quattro statuette: “La Ricchezza dell’Autunno”, “la Fertilità dei campi”, “l’Abbondanza della frutta” e “l’Amenità dei giardini”.  Il complesso è realizzato in gran parte da marmo di travertino.

La fontana di Trevi è un must per chi si trova a Roma e, nonostante sia sommersa di turisti provenienti da tutto il mondo, riuscirete sicuramente ad averne una magnifica visione. Il luogo sembra incantato e, per qualche istante, sembra che il tempo si fermi, ipnotizzati dall’opera di rara bellezza e dall’incessante cadere dell’acqua.

Attorno ad essa nascono storielle e dicerie; una delle più accreditate dona fortuna e prosperità se si lancia una moneta con le spalle volte verso la struttura. Può sembrare un’usanza sciocca, ma ancora non ho conosciuto nessuno che non l’abbia fatto almeno una volta, neanche tra gli stranieri. E infatti, da che io ricordi, il fondale della grande vasca brilla di luccichii bronzei e dorati, spesso gustoso bottino per qualche furfante. Mentre vagate per le strade nei dintorni, fermatevi ad assaporare qualche specialità tipica della città eterna nell’”Osteria Allegro Pachino” e alla “Taverna Barberini”.

Alloggiate in questo economico e colorato appartamento a Roma e in questo alloggio low cost ed accogliente a Roma! Per vedere altre sistemazioni correte su 9flats e sarete accontentati!

Annunci

Il Colosseo, eterno simbolo romano – la mia Roma personale

Standard

Oggi vi racconto una storiella

Se vi dico Roma, la prima cosa che vi viene in mente sarà sicuramente il Colosseo.

Anche involontariamente, anche se non lo avete mai visto. Penserete almeno all’idea di questo monumentale capolavoro architettonico. Io ho l’enorme fortuna di vivere nella cosiddetta caput mundi, e, purtroppo, questo mi fa incappare in uno dei pericoli più temuti da chi abita a stretto contatto con le meravigliose creazioni umane e naturali: l’abitudine.

E ora passiamo al nocciolo della vicenda

C’è chi dice che uno viaggia tanto, facendo quasi a gara per vedere chi arriva più lontano. Molti sono andati in Kenya, e conoscono a memoria il cuore di Parigi. Però nessuno conosce casa propria. Sinceramente non me ne ero resa conto neanche io…davanti al Colosseo (come ad altri monumenti della capitale) ci passo spesso davanti, talmente spesso che ho finito per non notarlo neppure. Sembra ridicolo: come si fa a non accorgersi di una presenza così imponente, quasi ingombrante? Ho cercato a lungo una risposta valida e devo ammettere che un – non lo so – è tutto ciò che mi è venuto in mente. Non riesco proprio a capire come sia possibile, ma questo fenomeno sembra non aver colpito solo me.

Vi presento il vero e unico protagonista di questa amara faccenda

Fu così che un bel giorno la neve colpì Roma. In pochi avevano avuto questa fortuna e, quindi, si crearono vere e proprie orde in direzione del centro storico con l’intenzione di fare foto e lunghe battaglie a palle di neve. Io, ovviamente, mi sono unita alla massa e mi sono avviata verso la zona d’interesse. E una volta giunta lì…puf! Come una specie di strano risveglio. Era davanti a me, sempre uguale eppure diverso. Il sole creava strani riflessi sulla bianca superficie, un semplice gioco, di quelli che incantano i bambini. Eppure è bastato per farmi sentire una sciocca. Ha dovuto nevicare a Roma perché mi accorgessi che uno dei più favolosi tesori stava qui davanti ai miei occhi! E io me lo sono perso per tutti questi anni!

Ed ecco il motivo di questo post: far conoscere e riscoprire una bellezza millenaria anche a chi lo ha già visitata! Potete alloggiare in questo economico appartamento oppure in questo confortevole alloggio! Per altre soluzioni consultate 9flats!

Dall’inizio…

Il monumento, conosciuto anche come Anfiteatro Flavio o più semplicemente Amphitheatrum era usato come luogo di scontri fra gladiatori e messe in scene di drammi mitologici. La sua costruzione fu iniziata nel 72 d.C. da Vespasiano; altri imperatori romani, successivamente, hanno continuato ad apportare modifiche. E’ sostenuto da una piattaforma in travertino, dalla quale si innalzano numerose volte.

…fino ad oggi

Diversi architetti hanno attuato opere di restauro sul Colosseo, per farlo giungere a noi il più rassomigliante possibile a quello originario. Oggi la modernità del quartiere si sposa perfettamente con la testimonianza storica diffusa dalla geniale opera umana. Una fermata metro proprio davanti al monumento e il continuo viavai di veicoli non rovina, curiosamente, l’atmosfera che si viene a creare, ma spinge il turista a saperne di più. Un grande vantaggio, inoltre, è rappresentato dalla possibilità di poter accedere a molte zone interne. Molti luoghi di ristoro dai semplici paninari ai più raffinati ristoranti sono presenti nei dintorni, come “ La Taverna dei Quaranta” e “La Taverna dei Fori imperiali”.  Avrete potuto notare quindi, come riesce purtroppo a dare per scontato il bello di una città. Quindi che aspettate? Correte a Roma!

 

Passeggiare in un luogo incantato : il Roseto Comunale – La mia Roma Personale

Standard

Lunghe file di automobili ferme ai semafori attendono i lavoratori all’uscita dai loro uffici. In testa hanno mille pensieri, intervallati solamente da rumorose suonate di clacson. Eppure in un questo scoraggiante dipinto dell’ora di punta romana, sono riuscita a trovare un angolo rilassante e piacevole. Ero scettica anche io: dove potrei trovare un luogo che mi ripari dal caotico traffico della capitale? La risposta alla mia domande giunse in una tiepida giornata di maggio, inaspettatamente, durante una visita al Roseto Comunale di Roma.

Si può facilmente raggiungere grazie alla fermata metro “ Circo Massimo”; da qui il parco è a due passi. E’ aperto dal lunedì al venerdì e sabato e domenica festivi dalle 8.00 alle 19.00; da maggio ad ottobre.

Già prima di entrare siamo gradevolmente attratti dal profumo di questi romantici fiori; una volta varcato il cancello, sembra che abbiamo lasciato la capitale italiana: rose, di tutte le specie e dimensioni, ci circondano e ci invitano a fare lunghe passeggiate nei meandri del giardino per poter assaporare ancor meglio l’inebriante aroma che sprigionano.

Sembra che abbiamo appena fatto un viaggio nel tempo a ritroso, che ci fa sbarcare in un epoca oramai lontana. Più mi inoltro nell’intimità del parco e più mi sembra di trascorrere del tempo in un giardino vittoriano inglese. Numerose panchine allietano il nostro tour, permettendoci sia di riposarci, sia di godere al meglio dello spettacolo naturale nel quale siamo immersi.

Le rose sono tutte classificate secondo un preciso ordine: rose botaniche, rose antiche e rose moderne. Questa suddivisione ci permette anche di fare un percorso della storia di questi bellissimi fiori. L’esposizione occupa circa 10.000 metri quadrati e ospita più o meno 1100 esemplari diversi di rose, tutti elegantemente curati.

Il 19 Maggio si è svolta la 70 esima edizione del “Premio per le nuove varietà di rose” che presenta 95 nuove tipologie di questo fiore. Inoltre da quest’anno il parco offre delle visite guidate gratuite per i non vedenti per un percorso tattile ed olfattivo.

Questo è un luogo magico che offre totale relax ai visitatori, ubicato in un’improbabile zona di Roma; ideale per trascorrere una giornata in modo differente, immersi nel verde. Una novità che la capitale ha il piacere di ospitare.

Nei dintorni, in zona circo Massimo, si possono gustare le prelibatezze della cucina romana nel Ristorante “Alvaro al circo massimo” e al “Grottino”.

Se volete assistere anche voi a questo meraviglioso spettacolo, affrettavi ed andate su 9flats! C’è questa elegante camera privata che vi aspetta! Altrimenti vi consiglio questo economico appartamento a Roma!

 

La mia Roma personale – Internazionali di Tennis al Foro italico

Standard

Presto, correte! Sabato 12 maggio è iniziato uno dei tornei di tennis più attesi: gli internazionali di Tennis. L’evento si svolge al Foro Italico, a Roma. Gli appassionati di questo sport non potranno assolutamente perdere quest’occasione! La struttura offre numerosi spalti dalla quale osservare i vari incontri, immersi in un ambiente che odora di storia.  Ma, analizziamola meglio..

Qualche breve accenno sulla storia della struttura..

Il Foro Italico e è un grande complesso sportivo che ha alle spalle una lunga storia; si iniziò a costruire durante il periodo del fascismo e fu inaugurato nel 1932 sotto il nome di Foro Mussolini. Questo periodo storico ha lasciato tracce lungo la struttura: possiamo trovare mosaici con motti fascisti e un alto obelisco in marmo di Carrara di quasi 20 metri, conosciuto come la Stele Mussolini.

Inoltre all’interno del Foro possiamo trovare diverse statue, sempre in marmo bianco, che raffigurano alcuni atleti. L’intero complesso subì molti cambiamenti e i suoi lavori terminarono nel 1968.

Il Foro Italico ospita ben quattro impianti sportivi differenti:

Lo Stadio del Tennis di Roma.

Lo Stadio del Nuoto di Roma, nel quale si svolgono eventi come campionati di nuoto, pallanuoto e tuffi.

Lo Stadio dei Marmi.

Lo Stadio Olimpico, che ospita numerose partite calcistiche.

Ma torniamo a noi. Gli Internazionali di Tennis sono il più importante evento tennistico italiano. Sono considerati uno dei più importanti tornei che si tengono su terra rossa e fanno parte del circuito ATP world tour Master 1000 che ne raggruppa i 9 più importanti ( gli altri si tengono in città come Shanghai, Cincinnati, Madrid, Miami..).

Capirete che un’occasione che attira i fan di tutto il mondo ha dei posti molto limitati, quindi affrettatevi! La finale si disputerà il 20 maggio, non c’è tempo da perdere! A mio parere, inoltre siamo molto fortunati a potervi assistere in una città come Roma: è un posto dove possiamo incontra strutture moderne, come questa simpatica scultura di una racchetta di tennis e strutture meno recenti.

Il luogo è ideale anche perché pur essendo gli spalti sempre pieni, si può godere di un’ottima visuale da tutte le angolazioni. E se poi non bastasse c’è anche un simpatico negozio di souvenir, dove potrete acquistare vari gadgets e accessori tennistici.

Di seguito vi posto le foto scattate durante gli incontri di domenica, dove l’atmosfera era resa rovente non solo dal calore solare!

Se volete vivere il tennis romano a 360° correte e visitate il sito di 9flats, dove ci sono moltissime soluzioni che vi permetteranno di alloggiarvi e raggiungere lo stadio! Io vi propongo questo originale appartamento a Roma e questo moderno alloggio in pieno centro!

La mia Roma personale – Trastevere

Standard

Anche se siete a Roma solo per qualche giorno, non potete farvi mancare una tappa a Trastevere. E’ uno dei quartieri più caratteristici e famosi della città eterna, dove la movida è sempre assicurata. Basta tenere in mente una cosa: a Trastevere ci si va di notte. Solo nelle ore serali, infatti, si può apprezzare al meglio la vera essenza di una delle zone più genuine della capitale.

L’ideale è iniziare dalla gola: fior fior di ristoranti, pizzerie e trattorie spunteranno ad ogni angolo e non saprete quale scegliere. Ai più spavaldi consiglio il ristorante “Cencio la parolaccia”, un locale molto rustico in puro stile romanesco. Tra tutti è quello più singolare non per l’arrendamento, ma per il comportamento dei camerieri. Infatti potrete gustare i deliziosi manicaretti della tradizione culinaria romana…mentre loro vi insulteranno. Sì, avete capito bene: a vostro piacimento potrete iniziare una vera e propria battaglia dialettica, molto ardua da vincere, vista l’esperienza dei padroni di casa.

Una volta sazi, vi aspettano birrerie, pub e Wine bar. Un altro posto che vi consiglio è il “Rivendita libri, cioccolata e vino”. Non fatevi ingannare dal nome! Il locale è minuscolo, non ci sono posti a sedere, ma non serviranno: infatti vi serviranno al bancone dei simpatici shottini dai nomi molto curiosi, in bicchieri di cioccolato fondente.

Dopo aver assaggiato queste strane bevande, fatevi un giro dei tipici vicoli trasteverini!

E’ sempre tempo di compere a Trastevere! Infatti una particolarità del quartiere è proprio quella di avere negozi e bancarelle aperti a tutte le ore, anche di notte!

Proseguiamo il giro del quartiere fermandoci a piazza Trilussa, una delle piazze più celebri di Roma. Quì possiamo sederci sulla scalinata e ammirare il panorama circostante.

Da quì possiamo facilmente arrivare a Ponte Sisto, dal quale abbiamo una
magnifica vista del tevere illuminato.

Se siete fortunati, potrete anche assistere ad improvvisati spettacoli di strada!

Insomma, se volete vivere una magica notte ( e anche di più visto l’elevato numeto di locali e viuzze da esplorare), dovete sicuramente fermarvi in questo quartiere, dove sarete catturati dall’atmosfera tipica romana.

Per apprezzare al meglio la vita notturna trasteverina, alloggiate in questa semplice ma elegante camera privata low cost!

Altrimenti date un’occhiata anche a questo grazioso e ben arredato appartamento!

Visitate il sito 9flats, per vedere altre soluzioni!

La mia Roma personale – Villa Torlonia

Standard

Nel cuore di Roma ( più precisamente nel quartiere Nomentano) si affaccia Villa Torlonia, un ampio parco che nasconde varie meraviglie. E’ l’ideale per chi ha voglia di farsi una passeggiata nel verde, o anche semplicemente sdraiarsi sul prato per leggere un libro. Ma attenzione! Non è una semplice villa: all’ interno di essa possiamo trovare numerose attrazioni, tra le quali musei, mostre d’arte contemporanea e punti di ristoro. 

Appena arrivati,  non possiamo non notare l’imponente Casino Nobile, che ci guarda dalla sommità del giardino. Questo palazzo in stile neo-cinquecentesco fu utilizzato anche come residenza di Mussolini, e al suo interno furono ospitate numerose feste.

Il passaggio del duce è testimoniato anche da vari fregi e statue sparsi lungo il parco.

Iniziando il cammino, possiamo scegliere due sentieri che ci condurranno in due zone tanto diverse quanto affascinanti: se prendiamo quello sulla destra ci dirigiamo verso la Casina delle Civette. Quest’edificio prende il nome dal tema ricorrente delle civette che abbellisce l’interno. All’esterno si presentano pregiate vetrate e alcune loggette elegantemente decorate. Non appena entreremo, rimarremo affascinati dal panorama che ci troviamo di fronte: le vetrate, filtrando la luce, offrono stupendi giochi di colori; inoltre su di esse sono raffigurati dei piccoli capolavori, che vanno dalla rappresentazione delle quattro stagioni ad altre riguardanti la natura. Inoltre sono presenti anche vari affreschi e dipinti di uguale bellezza.

L’altro sentiero ci fa piombare in un edificio totalmente diverso dal precedente: assistiamo alla visione del Casino dei Principi, costruito secondo uno stile quattrocentesco. E’ decorato con numerosi affreschi e quadri, e al suo interno vengono occasionalmente adibite anche varie mostre temporanee.

Dal 21 marzo fino al 17 giugno, il palazzo ospita la mostra di Strohl – Fern, con le opere d’arte di vari autori che il mecenate Strohl – Fern supportò mettendo a disposizione gli studi nella sua villa. Tra gli artisti ricordiamo Amedeo Bocchi e Renato Brozzi.

Se siamo molto fortunati, lungo la nostra passeggiata possiamo assistere alla visione di alcune mostre di scultura, allestite sul momento da artisti contemporanei.

Dopo aver camminato a lungo, vi verrà sicuramente fame: vi segnalo allora la Limonaia, un ristorate situato proprio all’interno del parco. E se il bellissimo paesaggio offerto da Villa Torlonia non vi basta, fate un salto a Villa Paganini, situata proprio di fronte. E’ un simpatico giardino, non molto grande e di sicuro appartato. Ciò che mi ha colpito è questo laghetto, che ospita anche alcune anatre.

Insomma se volete vedere qualcosa di nuovo della magnifica città eterna, questo è il luogo che fa per voi!

Per visitare Roma al meglio, potete soggiornare in un comodo ed economico alloggio come questo!

Se invece preferite una sistemazione rustica ma accogliente, questa fa al caso vostro!

Potete trovare l’alloggio che fa per voi su 9flats!